Umbria

  • Spoleto, i Longobardi e il senso del bello lungo i secoli

    Spoleto, i Longobardi e il senso del bello lungo i secoli

    Non è semplice trovare un luogo, una città ampia, che assume nella sua quasi interezza la valenza di complesso monumentale [1] come a Spoleto. Si vuole così intendere un sito di rilevanza storica, artistica, etnoantropologica che custodisce e conserva costruzioni di differenti epoche, le quali sono andate integrandosi mirabilmente tra loro. Succede sovente il contrario, […]

  • Il Tempietto del Clitunno, centro sacro dei Longobardi

    Il Tempietto del Clitunno, centro sacro dei Longobardi

    Vi sono luoghi che, pur traversando i secoli, conservano intatta quella mirabile percezione d’innata sacralità ch’essi suscitano in chi vi si soffermi. Un rivo d’acqua che scorre con grazia al chiarore della luna sul fondovalle; una foresta silenziosa di faggi e cipressi, il cui limitare declina con brio lungo le sponde di una sorgente antica… […]

  • I Longobardi in Italia, un popolo di guerrieri barbuti

    I Longobardi in Italia, un popolo di guerrieri barbuti

    I Longobardi furono così chiamati [….] in un secondo momento a causa della lunghezza della barba mai toccata dal rasoio. Infatti nella loro lingua lang significa lunga e bart barba. Historia Langobardorum di Paolo Diacono, 1,9 Così Paolo Diacono, monaco e scrittore cristiano dell’VIII secolo, ci presenta fieramente il suo popolo: i Longobardi. Si tratta di una rappresentazione iconica, […]

  • Francesco e Chiara, i grandi santi di Assisi

    Francesco e Chiara, i grandi santi di Assisi

    Sin dall’anno mille la Chiesa traversava un periodo di forte mutamento e numerosi contrasti, sia interni che verso le autorità del potere temporale. Nel 1054 aveva origine il Grande Scisma d’Oriente a causa delle rivendicazioni giurisdizionali dell’autorità papale di Roma sugli altri patriarcati che componevano la Chiesa: Antiochia, Costantinopoli, Alessandria e Gerusalemme. Inoltre, non si […]

  • Orvieto, splendore dell’Umbria

    Orvieto, splendore dell’Umbria

    Uno scudo sormontato da una corona contiene quattro antichi simboli: una croce rossa, a memoria di un fervente trascorso guelfo; un’aquila nera, come omaggio a una lunga dominazione romana; un leone fiorentino, vessillo di una fedele alleanza, e infine un’oca, per ricordare l’evento leggendario di Roma sul Campidoglio. Non potrebbe esserci modo migliore per introdurre […]

error: Eh no!