La Via dei Monasteri Regi, Castell’Arquato e Vigoleno

Il pellegrinaggio, nel Medioevo, possedeva un’importanza fondamentale per la vita sociale dell’epoca. Non si trattava soltanto di un viaggio, di un lento procedere lungo la via, come potremmo intenderlo ai giorni nostri, ma esso rappresentava una vera missio, una particolare cornice di senso dell’esistenza. Il pellegrinaggio, attraverso un sacrificio concreto, permetteva di immedesimarsi nelle vicende terrene del Cristo e con lui com-patire. Molti erano coloro che, lasciandosi alle spalle le incombenze della vita, si mettevano in cammino per sperimentarne la precarietà.

Una delle ambite mete era certamente Roma. La città, sede del soglio pontificio e cuore della Cristianità, è il luogo della sepoltura di San Pietro, dove i disegni di Dio sulla terra per la Chiesa avevano avuto compimento. Si può immaginare come gran parte dell’Italia fosse traversata da moltitudini di viandanti che percorrevano antiche vie di comunicazione. Ben nota è la via Francigena, la quale giustappunto dalla Francia conduceva a Roma; si proiettava poi sino ai porti della Puglia, dove i pellegrini s’imbarcavano per Gerusalemme.

Eppure non bisogna figurarsi tali sentieri come degli univoci percorsi. Più appropriata sembra, invece, l’accezione di fasci viari, che tra loro convergevano in località maggiori. È questo il caso delle vie di transito site nel territorio piacentino. Ai fianchi del tracciato storico della Francigena, che da Fiorenzuola d’Arda si dirigeva verso Borgo San Donnino, v’erano alcune varianti meno battute. Tra queste, la Via dei Monasteri Regi, impiegata sin dal tempo dei re longobardi – certamente Rotari, o forse ancor prima da Agilulfo – che l’avevano fatta tracciare per raggiungere l’Italia centrale più agevolmente.

Via dei Monasteri Regi
La porta d’accesso a Castell’Arquato

La Via dei Monasteri Regi

La Via dei Monasteri Regi fu in origine concepita come mero percorso militare; soltanto nei secoli successivi essa venne reimpiegata per i commerci e i pellegrinaggi diretti a Roma. Essa transitava da Fiorenzuola e, direzionandosi verso Castell’Arquato, Vernasca o il monastero della Tolla, proseguiva poi attraverso Bardi e Borgotaro. A Pontremoli, infine, la direttiva si ricongiungeva al percorso tradizionale della Francigena.

La Via dei Monasteri Regi, nel Medioevo, era popolata nei suoi dintorni da chiese, conventi, hospitalia e castelli. La vitalità e il fervore, che lungo il suo tracciato si avviluppavano in andirivieni talvolta mistici e compassati, talvolta in frenetici scambi commerciali, appartengono ormai al passato. Tuttavia, è ancora possibile rintracciare di quel mondo perduto le architetture fortificate e la semplicità delle chiese che un tempo ospitavano i pellegrini. Ne sono mirabili esempi i borghi medioevali di Castell’Arquato e Vigoleno.

Il borgo di Castell’Arquato, sulla Via dei Monasteri Regi

Un primitivo castrum a Castell’Arquato dovette sorgere in relazione alle vie di transito militari in epoca romana. Tuttavia, il toponimo del borgo, sito lungo la Via dei Monasteri Regi, è attestato per la prima volta soltanto in un atto di vendita del 760, laddove si legge “in finibus Castri Arquatense” [1]. In un documento del 774 è invece definito Castro fermo [2].

All’VIII secolo appartiene la Pieve dedicata alla Gran Madre di Dio. Essa fu fatta edificare da “un nobile potente signore nomato Magno” presso “il luogo o terra che Castello Quadrato, o Alquadro, appellasi oggi C. Arquato” tra il 756 e il 758 [3]. Di tale originaria pieve non rimane alcuna testimonianza giacché essa verrà completamente ricostruita in seguito al terremoto del 1117, divenendo l’odierna collegiata di Santa Maria Assunta. L’imponente rocca che circonda il borgo di Castell’Arquato risale, invece, al XIV secolo.

Via dei Monasteri Regi
Il Palazzo del Podestà fu fatto edificare da Alberto Scotti nel 1292

La Rocca Viscontea

La rocca fu fatta costruire a partire dal 1342 per volontà del Comune di Piacenza [4]. Fu quindi completata intorno al 1349 dalla famiglia Visconti, che aveva conquistato il borgo e scacciato i locali signori degli Scotti. La struttura, di forma quadrangolare, è in cotto e circonda interamente il nucleo abitativo antico di Castell’Arquato. Il perimetro si compone di una torre principale, detta mastio, il quale s’innalza per circa quarantadue metri, e quattro torri angolari. Le fortificazioni sono tra loro connesse attraverso due cinte sovrapposte con merlatura ghibellina. L’accesso al borgo era garantito dalla presenza di un ponte levatoio con fossato, posto ai piedi del mastio.

La Collegiata di Santa Maria Assunta

Cuore del borgo, custodito gelosamente dalla Rocca Viscontea, è la Collegiata di Santa Maria Assunta.

Via dei Monasteri Regi
La Collegiata di Santa Maria Assunta e, sullo sfondo, la Rocca Viscontea

Ivi i pellegrini, che percorrevano la Via dei Monasteri Regi, sostavano per affidare il loro viaggio alla Gran Madre di Dio. L’austera facciata, tripartita e scandita da possenti contrafforti, s’impone sull’antistante piazza Don Cagnoni come una scenografica presenza di antica memoria. Il prospetto romanico è a salienti, e si apre all’esterno soltanto attraverso un piccolo portale a tutto sesto e superiormente mediante una bifora. L’intera struttura del XII secolo, con annesso campanile, è edificata in pietra arenaria e colpisce per la sua semplicità architettonica dalla grande forza evocativa.

Via dei Monasteri Regi
La facciata a salienti della Collegiata di Santa Maria Assunta a Castell’Arquato

Lateralmente all’edificio si sviluppa, invece, il portico del Paradiso del XV secolo, realizzato in pietra e laterizio. Esso si aggetta sulla piazza attraverso cinque arcate a tutto sesto con volta a crociera.

Via dei Monasteri Regi
Il portale strombato presso il portico del Paradiso

Gli interni della Collegiata di Castell’Arquato

La Collegiata di Santa Maria Assunta ha pianta basilicale, su tre navate, con absidi semicircolari e soffitto a capriate lignee.

Via dei Monasteri Regi
L’interno della Collegiata di Santa Maria Assunta

Degli interni colpiscono, in particolar modo, i capitelli scolpiti di scuola romanica sui pilastri a fascio, nonché la meravigliosa cappella di Santa Caterina. Quest’ultima si apre appena all’ingresso dell’edificio, sulla navata destra, e ospita affreschi del XV secolo attribuiti ad artisti provenienti dalla Toscana.

Via dei Monasteri Regi
La cappella di Santa Caterina

Presso il presbiterio si staglia l’altare maggiore del XX secolo, realizzato tuttavia attraverso il reimpiego di cinque pannelli del XIII secolo. Parimenti l’ambone integra alcune formelle che raffigurano il tetramorfo, iconografia dei quattro evangelisti.

In fondo alla navata destra s’incontra, infine, il battistero. Esso ospita una vasca circolare in pietra dell’VIII secolo, dirimpetto a un’elegante abside semicircolare con tre monofore.

Via dei Monasteri Regi
Il battistero e la vasca battesimale

Il castello di Vigoleno e la Pieve di San Giorgio

Il castello di Vigoleno si staglia sulla sommità di un’irta collina, quasi a protezione della Val d’Arda. Esso fu eretto probabilmente nel X secolo come roccaforte militare sulle vie di transito dei colli piacentini verso la Lunigiana. Ciò nondimeno, il borgo, che tra le mura del castello è amabilmente racchiuso come in uno scrigno, doveva fungere come ristoro materiale e spirituale per i pellegrini sin dall’epoca longobarda (VIII secolo). La cittadina sorge, infatti, non lontana da Vernasca e dalla Via dei Monasteri Regi, e ospita l’importante chiesa di San Giorgio. In ogni caso, la località è citata in un documento del 1144 con il quale il marchese Oberto Pallavicino cedeva alcuni possedimenti al figlio Guglielmo. In seguito il borgo divenne proprietà della famiglia guelfa degli Scotti, i quali avevano stabilito un florido commercio marittimo di panni e spezie.

Le mura merlate di Vigoleno

Il castello di Vigoleno non fu risparmiato dalle lotte feroci tra guelfi e ghibellini. Più volte conteso e coraggiosamente difeso dal combattente Alberto Scoto, fu distrutto dai ghibellini di Parma e successivamente ricostruito. Nel 1389, infatti, Francesco Scotti ottenne il permesso di una riedificazione ex novo dal duca di Milano [5]. Da allora le mura merlate del castello, sovrastate dall’imperioso mastio, hanno conservato intatta la loro struttura, grazie anche al quasi ininterrotto dominio secolare della famiglia Scotti.

Scorcio del castello di Vigoleno

La Pieve di San Giorgio

Il centro di culto del borgo di Vigoleno era rappresentato dalla Pieve romanica di San Giorgio. Di essa si ha menzione in due pergamene, datate 1223 e 1284, custodite presso l’archivio parrocchiale. È accertato inoltre che, almeno nell’anno 1296, la Pieve fosse subordinata alla Collegiata di Castell’Arquato.

La Pieve di San Giorgio

La chiesa di San Giorgio ha un impianto basilicale a tre navate e absidi semicircolari. La copertura dell’edificio è a capriate lignee. Esternamente si staglia la torre campanaria quadrangolare, mentre la facciata a salienti è elegante nella sua semplicità. Di notevole interesse artistico è il portale d’ingresso con strombature e lunetta scolpita.

Via dei Monasteri Regi
La lotta tra San Giorgio e il drago sulla lunetta; inferiormente all’architrave si osservano due telamoni rannicchiati

Qui si rinviene la rappresentazione di un San Giorgio a cavallo che colpisce il drago. Attraverso il gesto eroico del santo è incarnata la volontà di Dio, come si deduce dalla presenza di un angelo. L’intera iconografia rimanda alla lotta escatologica tra il bene e il male.

La narrazione del combattimento tra San Giorgio e il drago, simbolo del maligno, è un tema molto frequente nel Medioevo. Se ne può rintracciare una compiuta narrazione nella letteratura cavalleresca dell’epoca e soprattutto nella Legenda Aurea di Jacopo da Varazze (1298).

Via dei Monasteri Regi
L’abside esterna: si notino le due figure umane scolpite presso gli archetti ciechi

Gli interni della Pieve

Gli interni della Pieve sono ammantati da un’atmosfera di mistica sobrietà. La luce soffusa degli ambienti invita al raccoglimento e ad un silenzioso rispetto.

Via dei Monasteri Regi
L’interno della Pieve di San Giorgio a Vigoleno

Le distanze e gli spazi sono scanditi da possenti pilastri a irregolari campate, i quali rivelano incisioni ricche di simbologie, e testimonianze scultoree presso i capitelli.

La sirena bicaudata; inferiormente s’intravedono tre figure, forse di pellegrini
Il simbolo della palma e un fiore della vita

Di pregevole fattura sono gli affreschi situati lungo le navate e sui pilastri, opera tardo-gotica di ignoti autori.

Tra questi, riappare presso l’abside il tema iconografico di San Giorgio che, in veste di cavaliere crociato, combatte contro il drago.

Gli affreschi absidali con San Giorgio e il drago. Presso l’altare maggiore si possono, inoltre, intravedere sulle formelle un fiore della vita e la croce patente.

Un percorso di conversione lungo la Via dei Monasteri Regi

L’intero complesso simbolico della Pieve di San Giorgio a Vigoleno rimanda al percorso di conversione che i pellegrini dovevano attuare, sulle orme di Cristo, durante il viaggio. La peregrinatio era segnata dalla precarietà e da una costante lotta contro le tentazioni. Così, San Giorgio idealmente accompagnava il cammino, allontanando gli influssi del maligno; la sirena bicaudata ammoniva circa i peccati della carne; il fiore della vita e la palma erano simbolo di rinascita spirituale e della vita eterna, meritato premio per chi persevera sulla retta via.

Samuele Corrente Naso e Daniela Campus

Note

[1] Pierpaolo Bonacini, Cultura giuridica e prassi notarile nell’Italia longobarda: le carte di Varsi, Quaderno 5, Università di Modena e Reggio Emilia, Dipartimento di Scienze Giuridiche, 2012.

[2] Luigi Schiapparelli, Codice Diplomatico Longobardo, 1968, Bottega d’Erasmo, Torino.

[3] Piero Castignoli, Mario Casella e i cronisti piacentini, Bollettino Storico Piacentino, LXXXIV, 1989.

[4] Registrum magnum del comune di Piacenza.

[5] Carmen Artocchini, Castelli piacentini, Piacenza, Edizioni TEP, 1983.

error: Eh no!