La simbologia antica della svastica

con Nessun commento

Introduzione

La simbologia della svastica è molto più antica di quanto si possa sospettare. Le prime attestazioni archeologiche sono fatte risalire addirittura al Neolitico, giacché se ne conoscono esemplari presso le incisioni rupestri della Val Camonica. È il caso della rosa camuna, detta a svastica. D’altronde, il simbolo è connesso a molteplici espressioni religiose e differenti culture dell’Europa e dell’Asia, in maniera assai costante nel corso della storia. Tale constatazione è, con ogni probabilità, dovuta alla semplice e lineare rappresentazione grafica, la quale ne ha permesso un utilizzo indipendente nei vari contesti.

 

Raffigurazione di una svastica, Museo di Santa Giulia a Brescia

 

Ad esempio, se ne conoscono significazioni ampie in India, Cina, così come presso i Greci e gli antichi Romani. In ogni caso, la rappresentazione più frequente è contraddistinta da una croce greca con bracci orientati in senso orario o antiorario, verosimilmente derivata da un disco o una ruota. 

 

Testimonianze archeologiche in Italia

In Italia le testimonianze archeologiche della svastica sono differenti e numerose, e abbracciano molteplici contesti storici. Ne sono esempi:

 

svastica
Museo Archeologico Nazionale di Paestum

 

 

svastica
Museo di Santa Giulia a Brescia

 

  • presso le rovine dell’antica Pompei come frequente motivo ornamentale; 
  • presso le decorazioni a mosaico di alcuni edifici religiosi paleocristiani di Ravenna, quali la basilica giustiniana di San Vitale a Ravenna e la chiesa di San Giovanni Evangelista;

 

Basilica di San Vitale a Ravenna

 

 

Significato simbolico della svastica

Potrebbe risultare assai difficile districarsi in questo variegato corpus di rappresentazioni e contesti storici così lontani tra loro. Ciò nondimeno, esiste una matrice di significazione comune che è bene sottolineare sin dal principio. Tale è la svastica come simbolo augurale o di raffigurazione del sole. A ben vedere queste due accezioni, che parrebbero differenti, sono in realtà intimamente connesse, in quanto è innegabile che la fortuna dei popoli antichi dipendesse in primis dall’attività del sole e dei raccolti agricoli. In particolare, la svastica è un simbolo di movimento, in quanto i bracci e il loro orientamento indicherebbe proprio il ciclo solare lungo il giorno, ma anche nel corso delle stagioni. Questa significazione di base è stata particolarmente ampliata nei singoli contesti religiosi o culturali; chiaramente non è possibile addentrarsi in tutte le differenti sfaccettature. A titolo di esempio si pensi all’Induismo, laddove la svastica è associata con il ruotare del mondo intorno a un centro immobile, ed è quindi figurazione della divinità Visnù. Per i buddisti è invece il sigillo della mente e del cuore di Buddha. 

 

La simbologia reinterpretata (male)

Dalla fine del XIX secolo la simbologia svastica attirò la curiosità di numerosi studiosi e archeologi. Tra questi, vi fu il tedesco Heinrich Schliemann, il quale la rinvenne presso le rovine dell’antica Troia. I suoi studi ispirarono una larga letteratura e un progressivo riutilizzo del simbolo come espressione di buon augurio, forza e movimento vitale. Fu probabilmente per queste ragioni che essa fu adottata dal Partito Nazionalsocialista tedesco, sino a divenirne emblema ufficiale. Nacque così la croce uncinata, ben conosciuta ai nostri tempi, che si differenzia dall’originaria rappresentazione per essere lievemente ruotata in senso angolare. 

 

Samuele Corrente Naso

 

 

 

error: Eh no!