I Cristogrammi

con Nessun commento

Con il termine di “Cristogramma” si intende una combinazione di lettere greche o latine che stia ad indicare il nome di Gesù.

L’esigenza di un’abbreviazione che indicasse il Cristo nasce durante le persecuzioni cristiane dei primi secoli. 

Ciò nondimeno, i cristogrammi, per la loro semplicità e simbolismo, vengono impiegati anche nei secoli successivi sino a toccare l’apice di popolarità nel Medioevo. Ancora oggi sono utilizzati nelle decorazioni sacre.

Esistono svariati tipi di cristogrammi, segue un’analisi dei principali.

 

 

Chi Rho

 

Detto anche CHRISMON o Monogramma di Cristo è formato da una X e una P sovrapposte, ovvero dalle iniziali della parola Χριστός’ (Khristòs) che si può tradurre fedelmente come “messia”.

 

 

 

Ai lati della figura si trovano le lettere greche alfa e omega, il principio e la fine dell’Apocalisse. Cristo è l’inizio e il termine di tutte le cose.

Il Chi Ro nasce nel III seolo d. C. ad uso privato e comincia ad essere usato pubblicamente solo dopo l’Editto di Milano dell’Imperatore Costantino. Ovvero al termine delle persecuzioni dei Cristiani.

Da Costantino in poi, dopo che gli fu suggerito in sogno, come racconta lo storico Lattanzio, addirittura il simbolo fu posto sul labaro romano, lo stendardo che in battaglia accompagnava l’imperatore. Era il segno della conversione dell’Impero Romano al Cristianesimo.

 

 Ichthys

 

Il vocabolo ichthys è la traduzione latina della parola greca ἰχϑύς, che significa “pesce”. 

Figurativamente si tratta di due semicerchi che si intersecano a formare proprio un pesce stilizzato.

 

Le motivazioni dell’adorazione del simbolo, in quanto figura di Cristo, da parte dei Cristiani vanno ricercate nei Vangeli. Il passo Lc 5,10 recita infatti: “Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini”. E’ l’invito di Cristo a distaccarsi da tutto quello che l’uomo possiede per l’evangelizzazione.

Ciò nondimeno Ichthys è anche l’acronimo di Iesùs CHristòs THeù HYiòs Sotèr (Gesù Cristo figlio di Dio Salvatore).

Studi più recenti ipotizzano che esso possa derivare da una riscrittura del più antico simbolo della Vesica Piscis.

 

 

 

IHS

 

Il Trigramma IHS (ΙΗΣ in greco)  nasce nel III secolo come nomina sacra, vale a dire come abbreviazione utilizzata nei manoscritti greci del Nuovo Testamento.

Il simbolo abbrevia semplicemente il nome di Gesù: ΙΗΣΟΥΣ.

IHS è anche l’acronimo della frase “In Hoc Signo vinces”, che comparve in visione a Costantino, come racconta questa volta Eusebio, a fianco di una croce prima della battaglia di Ponte Milvio.

La più ampia diffusione del IHS si ebbe nel periodo medioevale quando San Bernardo di Chiaravalle, che diede la Regola a Cistercensi e Templari, ne fu il maggiore promotore.

Dal XV secolo, per volere di papa Martino V il simbolo è rappresentato con una croce posta sopra la lettera centrale.

 

 

error: Eh no!